Alla Primaria di Sant’Albano uniti per celebrare il 4 novembre

Immagine profilo

da Segreteria

del venerdì, 04 novembre 2022

Le classi quinte della Primaria e tutti gli alunni della Secondaria hanno intonato l’inno nazionale

Giornata di celebrazioni alla Primaria di Sant’Albano, in occasione del 4 novembre. Oltre alle due quinte della Primaria erano presenti le classi della Secondaria, in occasione della Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate, alla presenza del sindaco Bozzano, del diacono Corrado e di una rappresentanza della sezione Ana locale. La cerimonia è stata contrassegnata da momenti di sentita partecipazione, da parte degli alunni che, tutti insieme, hanno intonato l’inno di Mameli, durante l’alzabandiera, poi, i più piccoli si sono alternati in una lettura commovente di brani, tratti dalle lettere dei tanti militari, che hanno onorato la Patria durante la Grande guerra, guidati dal maestro Zucco. Il sindaco, Giorgio Bozzano, indossando cappello alpino e fascia tricolore, ha ricordato come sia importante, soprattutto in tempi in cui le guerre ci toccano da vicino, “non rispondere mai alla guerra con la guerra, ma saper reagire sempre con un approccio altruistico e comprensivo alle sfide che la vita ci pone di fronte” e ha citato le parole del Presidente Mattarella, riservando un pensiero anche alla popolazione ucraina, così duramente provata in questi mesi. Dopo la benedizione agli astanti e al cippo commemorativo, posto in cortile, il diacono Corrado ha invitato tutti i presenti a ringraziare per il dono della vita, chiedendo infine ai ragazzi di esprimere la loro personale preghiera dei fedeli, che ha incluso i poveri, le famiglie colpite dalle calamità, le persone in difficoltà e malate, coloro che non sono più tra noi, gli animali e gli esseri indifesi. Momenti di grande intensità hanno scandito, quindi, questa ricorrenza così importante, che nel celebrare la memoria, diventa segno di impegno civile, rendendo i ragazzi e le ragazze di domani consapevoli del loro ruolo di sentinelle attive di cittadinanza e di difensori dei valori che ci rendono uniti, partecipi e fieri della nostra storia.